juripole information juridique
informatique juridique droit de l'informatique

 

Dizionario legale francese-italiano - Diritto privato francese - Traduzione e definizione

Dizionario di diritto francese



V


VALEURS MOBILIERES
Valori mobiliari

Con questa espressione si intendono le azioni rappresentative di apporti consentiti da investitori nelle società di persone, le frazioni di prestiti emessi dallo Stato o dalle collettività locali, le azioni emesse dalle società commerciali, i diritti legati al possesso di azioni di queste società. Questa terminologia è usata indipendentemente dal fatto che il titolo sia materializzato o meno. Sotto il regime della tutela che si tratti della tutela dei minorenni o dei maggiorenni protetti, la gestione dei valori mobiliari fa l'oggetto di una disciplina particolare.

VENTE
Compravendita

Convenzione tramite la quale una persona cosiddetta il "vendeur" (venditore) cede i suoi diritti su una cosa o un valore che gli appartiene ad un'altra persona. La forma del contratto non influisce sulla qualifica del contratto (può essere scritto o verbale). La cessione può avere come oggetto un bene corporale o dei diritti. La cessione di un credito, la cessione della nuda proprietà o l'usufrutto costituiscono delle vendite.

Vedere: "dation en paiement, réméré, garantie, vices cachés, arrhes".

L'apporto in società o lo scambio costituiscono vendite.

Determinate vendite hanno una disciplina particolare: la vendita di un "fonds de commerce" legge del 17 marzo 1909, decreto del 28 agosto del 1909 ; la vendita al "débalage" legge del 30 dicembre del 1906 e decreto n62-1463 del 26 novembre 1962 ; le vendite marittime, legge n69-8 del 3 gennaio del 1969 ; le vendite a domicilio, legge n72-1137 del 22 dicembre del 1972; la vendita diretta al consumatore, legge n73-1193 del 27 dicembre del 1973 e decreto n74-429 del 15 maggio del 1974 ; la vendita a perdita e la vendita con premio, legge n63-628 del 2 luglio 1963 e l'ordinanza n86-1243 del 1 dicembre del 1986 ; l'offerta di vendita nella televendita, legge n88-21 del 6 gennaio del 1988 ; la vendita a credito, decreto n55-585 del 20 maggio del 1955 e decreto n56-775 del 4 agosto del 1956.

Oltre a questi tipi di vendite, determinate clausole fanno ugualmente l'oggetto di una disciplina: clausole di esclusività, legge del 14 ottobre 1943 ; le clausole sul prezzo, sulla concorrenza, il rifiuto di vendita e le pratiche discriminatorie (ordinanze n45-1483 del 30 giugno del 1945 e n86-1243 del 1 dicembre del 1986 e il decreto n86-1309 del 29 dicembre del 1986) ; le clausole abusive, legge n78-23 del 10 gennaio del 1978.

Le vendite pubbliche sono di due tipi : le vendite amichevoli o volontarie quando in un'indivisione i comproprietari sono d'accordo per vendere all'asta il bene ; le vendite forzate nel caso inadempimento del debitore della sentenza che lo costringe a pagare.

Le disposizioni degli articoli L.251-3 e seguenti del Codice di procedura civile si applicano tuttora al pignoramento immobiliare

Vedere: "garantie, huissier, exécution, saisie, enchère, malfaçon".

VERIFICATION DES CREANCES

Fase della procedura fallimentare nel corso della quale si procede all'esame dei documenti depositati dai creditori per giustificare la veracità e la qualità dei loro crediti.

Vedere: "préférence (droit de), sûretés, exécution".

VERIFICATION D'ECRITURE

"La vérification d'écriture e l'incident de faux" costituiscono delle procedure civili tramite le quali, il giudice adito, o a titolo principale, o a titolo incidente, determina se la parte che nega essersi impegnata con la sua firma, è l'autore della firma o meno. Per questo il giudice procede ad un'analisi comparativa della scrittura usando documenti che le parti gli rilasciano. Il giudice potrebbe dettare un testo alla persona per avere un testo di paragone. Il giudice ha anche la possibilità di nominare un esperto.

Per evitare che questo sia usato per ritardare la procedura, il giudice può pronunciare una multa civile contro la persona che usa questo mezzo in modo criticabile. Questo non impedirebbe la condanna a un indennizzo se un pregiudizio è provato. La procedura è della competenza del giudice adito della richiesta principale. Questa regola si applica anche nel campo arbitrale.

La "vérification d'écriture", in materia di atti privati, è l'equivalente della "inscription de faux" in materia di atti autentici.

VICES CACHES
Vizi nascosti

Vedere: "garantie e malfaçon".

VICE DU CONSENTEMENT

Un impegno può essere valido soltanto se al momento in cui si assume, la persona è libera da ogni costrizione. La validità di ogni obbligazione presuppone innanzitutto che il consenso sia dato da una persona capace di esprimere una volontà lucida.

L'errore, il dolo e la violenza sono i vizi del consenso. Se il consenso dell'autore dell'impegno è considerato viziato, l'atto giuridico è suscettibile di essere annullato.

Fare scomparire un contratto è un evento grave perché mette in causa la sicurezza delle transazioni. La persona che si prevale del vizio deve presentarne la prova. Per un'analisi giusta del caso, i giudici prendono in considerazione la personalità della persona che se ne prevale e le circostanze di fatto. Devono cercare in particolare se l'intensità dell'evento ha costituito un ostacolo insormontabile all'esercizio del libero arbitrio della persona che pretende esserne stata privata.

Vedere : "minorité, majeurs protégés, lésion".

VIDER (DELIBERE)

Si dice che il tribunale "vide son délibéré" quando pronuncia la sentenza in udienza pubblica.

Quando una sentenza preliminare cosiddetta "avant dire droit" è stata resa, si può leggere "vidant son jugement avant dire droit" ciò significa che il tribunale pronuncia una sentenza in merito dopo l'esecuzione delle misure preliminari.

DELAI DE VIDUITE

Allo scopo di evitare le controversie in materia di filiazione paterna per quanto riguarda i figli non concepiti durante la fase nel corso della quale gli sposi erano in fase di divorzio o durante la fase precedente il lutto del marito della madre, la legge ha istituito un termine di 300 giorni durante il quale non può sposarsi di nuovo (articoli 228, 261, 261-1, 261-2 del Codice civile) : si tratta del "délai de viduité" (lutto vedovile). Il rispetto di questi termini ha tantissime eccezioni.

VIE PRIVEE
Vita privata

La vita privata e la privacy fanno parte dei diritti civili. I componenti della vita privata non fanno l'oggetto di una definizione o di un elenco limitativo allo scopo di evitare la protezione alle sole previsioni legali. I tribunali hanno applicato il principio a questa protezione al diritto alla vita sentimentale e alla vita famigliare, al segreto relativo alla salute, al segreto del domicilio e della residenza e il diritto all'immagine.

Il diritto alla privacy pone il problema dell'equilibrio che deve essere rispettato tra il diritto individuale della persona contro l'intrusione degli altri nella vita privata, e il principio di trasparenza quando determinate persone hanno una vita particolarmente diffusa tramite i mass media o quando hanno una professione o una missione pubblica. Pone ugualmente il problema dello stesso equilibrio quando la sicurezza generale impone che certi elementi della vita privata faccia l'oggetto di una registrazione negli archivi pubblici (schede informatiche, carta d'identità, passaporto, atti dello stato civile, casello giudiziario, pratiche amministrative).

VIOLENCE
Violenza

Atto volontario o meno che provoca nella vittima un disturbo fisico o mentale che ha conseguenze dannose per la sua persona o i suoi beni.

Nell'ambito contrattuale, la violenza esercitata su una persona che la spinge a impegnarsi o a rinunciare ad un diritto, costituisce un vizio del consenso.

Quando è applicata alle cose, quando è fatta senza diritto, la violenza costituisce vie di fatto.

L'azione possessoria, destinata a ripristinare nella situazione anteriore ai fatti il possessore vittima dell'atto di violenza, si chiama la "reintégrande".

VOIE D'EXECUTION
Via di esecuzione

Procedura legale che mette in opera mezzi che permettano di ottenere dalla persona condannata, le prestazioni ordinate da una sentenza diventata esecutiva.

Vedere: "exécutoire, huissier, saisie, vente".

VOIE DE FAIT
Vie di fatto

Vedere: "violence".

VOIE DE RECOURS

Complesso di procedure che permettono un nuovo esame della causa (la procedura non è stata proseguita regolarmente, o il giudice non ha preso in considerazione un elemento di fatto presentato da una parte, o la sentenza manca di motivazione, o contiene un errore di diritto). Se si tratta di un errore di diritto e che l'appello é possibile, il ricorso possibile è il ricorso in cassazione.

La legge distingue i ricorsi ordinari (opposizione, l'appello) ricorsi straordinari (ricorso in revisione, ricorso in cassazione).

L'ammissibilità delle vie di ricorso sono legate alla competenza e alla disciplina fissata dal Nuovo Codice di procedura civile. Determinate vie di ricorso ordinarie non possono essere usate in certe materie o davanti a certe giurisdizioni. Le sentenze rese dai tribunali degli affari della Sicurezza sociale non possono fare l'oggetto di un opposizione da parte del convenuto non presente in udienza. Nello stesso modo, l'appello non è sempre possibile, e l'opposizione non ammissibile davanti alla Corte di cassazione.

Invece, esiste una via speciale cosiddetta opposizione all'adempimento delle costrizioni amministrative e le costrizioni notificate dagli organismi di sicurezza sociale e contro le sentenza che hanno per oggetto un'ingiunzione di pagare o di fare.

L'ammissibilità delle vie di ricorso è ugualmente subordinato al rispetto di un termine tra la data della notifica e la data di registrazione dell'atto che ha permesso di adire la giurisdizione. Per l'appello e l'opposizione questo termine è in generale di un mese in materia contenziosa e di quindici giorni in materia graziosa. In materia di cassazione il termine è di due mesi. Esistono termini speciali in determinate materie. Possono essere allungati o sospesi.

VRP

Il significato è "Vendeurs, Représentants, Placiers", cioè venditore Rappresentante, Collocatore, la cui situazione giuridica nei confronti del datore di lavoro è definita dagli articolo L.751-1 e seguenti, D.751-1 e seguenti, R.751-1 e seguenti, del Codice del lavoro.

SERVITUDE DE VUE

Allo scopo di evitare le controversie di vicinanze, il Codice civile ha disciplinato in modo dettagliato le condizioni nelle quali un proprietario può, senza l'autorizzazione del suo vicino, aprire finestre o aperture sulla proprietà contigua alla sua. Queste restrizioni costituiscono una servitù legale cosiddetta "servitude de vue" (servitù di vista).

Tutte le definizioni

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W


Copyright © Serge Braudo - Stéphane Bouché

(Traduction du Dictionnaire juridique de Serge Braudo)


Lista dei dizionari
JURIPOLE

droit informatique droit de l'informatique
formation contrats informatiques