juripole information juridique
informatique juridique droit de l'informatique

 

Dizionario legale francese-italiano - Diritto privato francese - Traduzione e definizione

Dizionario di diritto francese



U


ULTRA PETITA

Quando un processo è in corso, la parte che adisce formula un complesso di pretese. Questa richiesta determina un quadro. Costituisce un limite al di là del quale il magistrato non potrebbe andare senza cadere in un eccesso di potere. Se rendesse una sentenza a proposito di una pretesa che non gli sarebbe stata sottomessa, o se superasse l'ammontare della richiesta, il giudice deliberebbe ultra petita (si dice anche extra petita).

Sul piano processuale, la legge assimila questo tipo di eccesso di potere all'errore materiale e all'omissione di deliberare. Le parti possono chiedere la rettifica seguendo una procedura identica a questi due casi. Vedere: "Erreur e omission de statuer".

Bisogna notare tuttavia che in determinate ipotesi, il giudice, per legge, ha la possibilità di imporre all'attore una soluzione per la quale quest'ultimo non è adito. E' il caso ad esempio nell'azione in garanzia per vizi nascosti : il tribunale che stima che l'inadempimento non è abbastanza grave per giustificare la risoluzione del contratto può rifiutare la richiesta e limitare la condanna del venditore ad un indennizzo. Sarà ancora il caso, quando, per legge, il giudice può modificare le condizioni dell'esecuzione di un'obbligazione di pagare imponendo al creditore un pagamento rateizzato. Nello stesso modo, in presenza di una clausola risolutoria inclusa in un contratto di affitto, il giudice può concedere un termine per il pagamento degli affitti prima di pronunciare un espulsione definitiva. Pronuncia la sospensione degli effetti di quella clausola. Se l'inquilino adempie, la risoluzione è considerata come non intervenuta.

Tale è il caso quando una richiesta di divorzio non è accolta. Il Codice civile offre al giudice che rifiuta la richiesta il potere di deliberare d'ufficio sul contributo rispettivo alle spese del matrimonio e sull'esercizio dell'autorità parentale (perché evidentemente si suppone che le parti non hanno più l'intenzione di coabitare).

UNILATERAL

Aggettivo che qualifica un atto che impegna soltanto la persona che lo sottoscrive. Sarà il caso di un rinuncio ad un diritto, o il riconoscimento di un debito.

USAGE

Regole non scritte seguite dagli abitanti di determinate regioni o da persone che esercitano determinate professioni che considerano obbligatorie per disciplinare i loro rapporti.

"Us et coutumes", "usages coutumiers" hanno lo stesso senso. L'esistenza diusi pone al giurista due specie di problemi. Il primo è la difficoltà di determinare il contenuto della regola consuetudinaria. La seconda difficoltà consiste nel distinguere le circostanze, i luoghi e le persone alle quali si applica. Nel diritto applicato prima della Rivoluzione, la prova della loro applicabilità risultava da raccolte chiamate "coutumiers". Il sistema legislativo istituito dalla Rivoluzione non ha tuttavia fatto scomparire del tutto le usanze locali, o gli usi professionali. Il loro contenuto è stabilito dal riferimento continuo di quelli che li applicano.

In materia civile, esistono usi locali, in particolare in materia di contratti di affitti agrari. Le vendite all'asta o in fiera sono disciplinate da abitudini professionali molto vecchie Nei dipartimenti e territori di oltremare, dove i costumi sono rimasti molto vivaci, gli usi sono stabiliti tramite indagine, che il giudice realizza in particolare presso i capi consuetudinari e gli anziani (Polinesia francese, Nuova Caledonia, Wallis e Futuna).

Non esiste realmente un rapporto di forza tra legge gli usi consuetudinari. Questo perché quando la materia non disciplinata da regole di ordine pubblico, la legge è soltanto suppletiva della volontà delle parti. Per questo motivo possono riferirsi ai costumi.

Il documento che autentifica un uso si chiama un "parère".

USUCAPION
Usucapione

"Usucapion o prescription acquisitive" indicano il modo in cui la proprietà immobiliare può essere acquisita da un possesso pacifico e pubblico prolungato. I termini per acquisire la proprietà in questo modo ed il modo in cui sono calcolati sono fissati dagli articoli 2219 e seguenti e 2262 del codice civile. I termini sono suscettibili d'interruzione e di sospensione.

USUFRUIT
Usufrutto

Il diritto di proprietà che una persona esercita su un bene che gli appartiene si divide in due situazioni giuridiche: la nuda proprietà è il diritto di disporre del bene come la persona lo intende, ed eventualmente di modificarlo o di distruggerlo ; l'usufrutto è il diritto di servirsi di questo bene o di riceverne i redditi, ad esempio gli affitti o gli interessi. Questi due elementi (tenuti di solito da una persona unica) possono avere titolare diversi. In questo caso, la riunione di questi due elementi a vantaggio di un solo titolare accade alla data in cui l'usufrutto finisce, o quando l'usufruttuario acquisisce i diritti del nudo proprietario.

Il Codice civile disciplina sia i rapporti dell'usufruttuario e del nudo proprietario sia i loro rapporti con i terzi. Nel diritto della comproprietà questa situazione pone il problema della rappresentatività dei lotti oggetti di un usufrutto (vedere gli articoli 23 della legge del 10 luglio 1965 sullo statuto della comproprietà dei beni immobiliari e il decreto 6 e 64 del decreto n67-223 del 17 marzo del 1967 preso per l'applicazione di questa legge).

USURE
Usura

Il prestito con interessi è disciplinato dalle disposizioni del Codice civile. Il tasso d'interesse non può superare un tasso effettivo globale di più del terzo del tasso effettivo medio in vigore nel corso del trimestre che precede l'operazione di prestito. Un decreto determina il tasso effettivo medio a secondo del tipo di operazione finanziata dal prestito. Il tasso eccedentario è cosiddetto "taux usurier" (tasso usurario). Il debitore può esigere la riduzione perché sia portato al tasso legalmente autorizzato.

La persona che consente prestiti a tasso usurari può essere perseguito penalmente per reato d'usura davanti alla giurisdizioni penali. L'usura si applica a tutti i contratti che prevedono la percezione di un interesse, ai prestiti al consumo, ai prestiti in materia di operazioni immobiliari.

Tutte le definizioni

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W


Copyright © Serge Braudo - Stéphane Bouché

(Traduction du Dictionnaire juridique de Serge Braudo)


Lista dei dizionari
JURIPOLE

droit informatique droit de l'informatique
formation contrats informatiques